10 Errori da evitare con la protezione solare

Il sole a piccole dosi fa bene alla salute. Non si tratta di proibire qualsiasi esposizione, basta proteggersi. Questo è particolarmente vero per i bambini. La loro pelle non è matura prima di 9 o 10 anni, e mentre hanno meno difese di un adulto, sono più esposte al sole: "Si stima che dal 50 al 60% delle dosi di raggi UV assunte la vita è durante l'infanzia ", dice il professor Christophe Bedane, dermatologo.

Errore n ° 1: dì a te stesso che la solarizzazione è l'unico pericolo da evitare

Cosa succede: pensi che esponendo te stesso in piccole dosi, eviti la scottatura, che rimane a i tuoi occhi il danno principale che il sole può fare alla tua pelle.

Il dermato risponde: "La solarizzazione è molto sgradevole, ma è un epifenomeno per quanto riguarda l'invecchiamento cutaneo e i tumori indotti da UVA", ricorda il professor Pierre Thomas, dermatologo La solarizzazione è del 90% causata da UVB, maggio s UVA è responsabile della maggior parte dell'invecchiamento cutaneo e del cancro .

E questo è l'intero problema: non c'è nessun segno clinico, nessun messaggio di avviso che indica che abbiamo preso troppa UVA. E se ci proteggiamo dagli UVB senza proteggerci dagli UVA, anche noi "priviamo" il segnale che è la solarizzazione. Ma in effetti, i filtri solari si sono evoluti e c'è più protezione solare che proteggerebbe i raggi UVB senza proteggere anche i raggi UVA. Il regolamento impone il seguente rapporto: la protezione contro i raggi UVA deve essere uguale o superiore a un terzo della protezione UVB

Errore n ° 2: accontentarsi di un indice 15 quando si ha la pelle opaca o già abbronzato

Cosa succede: come la tua pelle sostiene molto bene il sole, e / o è già abbronzato, ne metti solo un indizio 15, pensando che sia abbastanza. Pensi che una pelle abbronzata sia una pelle protetta

La risposta dermato:

Un indice di prodotto solare 15 è insufficiente perché, nella "vita reale", non si mette mai la quantità richiesta, dividere il suo indice solare di due per gli indici bassi, o anche quattro per gli indici più alti.

Esempio: un indice 15 non vale più di un pedice 7 dopo un'applicazione realistica, vale a dire diciamo con circa 0,5 mg di prodotto per cm2, l'equivalente di due cucchiaini pieni per tutto il corpo, mentre le raccomandazioni ufficiali rimangono equivalenti a 6 cucchiaini da tè per tutto il corpo. E un indice 50 diventa rapidamente un indice di 20 o meno ... Significa anche che anche con un indice 50, possiamo prendere i colori. Sarebbe sbagliato boicottare gli indici alti con la motivazione che impedirebbero l'abbronzatura: quelli con la pelle chiara devono usarli.

Errore n. 3: fare affidamento solo sulla protezione solare per proteggersi

succede: applicando la crema con la massima regolarità, ti senti protetto e in grado di esporti quanto vuoi.

La risposta dermato: la crema solare non è sufficiente. Se c'è un punto su cui insistono i dermatologi, è questo: la protezione solare non è l'unico strumento per la protezione solare, lontano da esso. È persino "l'ultima soluzione dopo la protezione dell'abbigliamento e lo sgombero del mezzogiorno (tempo solare) a 16 ore", insiste il professor Pierre Thomas. Il professor Christophe Bedane non è meno chiaro: "La protezione solare è un elemento in più nel dispositivo di fotoprotezione da mettere in atto per le vacanze."

Il loro messaggio è chiaramente di non esporsi volontariamente ad un lettino per abbronzarsi nelle ore più calde , poiché tutte le esposizioni indirette sono in gran parte sufficienti per assumere il colore. La protezione solare è prima di tutto una questione di comportamento.

Inoltre, abbigliamento UV non è ancora diffuso in Francia, tranne che nei negozi di articoli sportivi. Saremmo più interessati a usarlo di più, soprattutto per i bambini piccoli.

Errore n. 4: crediti protetto da una crema da giorno che contiene un indizio 20

Cosa succede: applichi ogni mattina un crema da giorno che contiene SPF 15 o 20. Ti sembra che sia abbastanza per proteggerti, soprattutto se sei in città.

La risposta dermato:

  • "È un'utopia pensare di essere protetto con i filtri di una crema da giorno, un fondotinta protegge, infatti, molto di più, ma solo il viso ", dice il professor Pierre Thomas.
    Inoltre, i dermatologi spiegano che non è abituato a niente da mettere crema solare tutto l'anno, e quando non ti esponi. Al contrario, può sensibilizzare la pelle ai filtri solari. Quindi, quando ne ha davvero bisogno, potrebbe non riuscire più a sopportarlo.
  • Ultimo punto: la protezione UV di una crema da giorno non è soggetta agli stessi vincoli normativi della protezione solare. Può proteggere solo UVB, non UVA. Tuttavia, abbiamo visto che è l'UVA a causare, a lungo termine, rughe e gravi rischi per la pelle. "Non puoi usare una crema da giorno con indice invece di un vero prodotto solare", riassume Annabel Mari, responsabile della comunicazione scientifica a Mixa.

Errore n. 5: non pensarci più rimettere a posto dopo essere fuori dall'acqua

Cosa succede: i nuovi prodotti impermeabili sono visualizzati come resistenti o molto resistenti all'acqua. Quindi metti un po 'prima di nuotare. Uscendo dal bagno, facendo zapping la riapplicazione, credendo ancora essere ben protetti

La risposta dermatologo. Gli ultimi prodotti solari formulati per resistere all'acqua sta eseguendo, ma è necessario riapplicare dopo il bagno in alcuni casi . Ad esempio, quando esci dall'acqua, tendi ad asciugarti energicamente con l'asciugamano, e i filtri sono resistenti all'acqua ma non a questo intenso attrito. "Se vuoi che la protezione rimanga attiva, devi lasciarla asciugare all'aria aperta o, nel peggiore dei casi, avvolgere l'asciugamano senza strofinare", afferma Annabel Mari.

Come promemoria, a prodotto "resistente all'acqua" è formulato per "reggere" anche dopo due bagni da 20 minuti, e un prodotto "molto resistente all'acqua" con quattro vasche da 20 minuti ... Ma queste condizioni rimangono "teoriche" , in laboratorio in condizioni standardizzate, ea volte è meglio riapplicare il prodotto.

Errore n ° 6: pensare di non rischiare nulla con tempo nuvoloso

Cosa succede: oggi, il tempo è coperto, si sente che la protezione solare è giustificata solo quando esce il sole ... quindi non crema

la risposta dermatologo. "le nuvole si disperdono le radiazioni UV, ma non si ferma", afferma Dr Christophe Bedane. Se vuoi stare fuori a lungo mentre il tempo è nuvoloso, i dermatologi consigliano di proteggerti. Dubiti che questo consiglio sia giustificato? "Prendi gli occhiali fotocromatiche di test che si scuriscono in contatto con UV per vedere," offre il Dr. Thomas.

Piuttosto che guardare le nuvole, gli esperti raccomandano si basano su l'indice UV . Può essere consultato in qualsiasi sito meteorologico, e indica la "potenza" delle radiazioni UV, copertura nuvolosa o meno.

  • Si stima che fino a 3, l'indice UV non obblighi con protezione solare
  • Inoltre, dobbiamo proteggere in caso di esposizione prolungata.
  • Quando l'indice UV è uguale o superiore a 5, è protezione solare è indispensabile.
  • indice UV circa 10 sono il più alto ma non possiamo affrontarlo alle nostre latitudini. Dobbiamo andare in Australia

Errore # 7: credere che un'applicazione solo

Che cosa succede: nella vostra mente, lei dice che riapplicare il prodotto ogni due ore, è particolarmente una manovra di marketing per farci comprare prodotti

la risposta dermatologo. in un mondo ideale, sarebbe posizionare il prodotto in uno spesso strato o due strati su, ma nessuno realmente lo fa. Questa raccomandazione di mettere la crema ogni due ore non è sicuramente seguita perfettamente, ma almeno in teoria ti dà un'idea di cosa sia una buona protezione. A ciascuno di consigliare secondo il suo tipo di pelle, più o meno chiaro

Errore n ° 8: pensare di essere protetto da capsule solari

Cosa succede: un mese prima di partire, fai il pieno di antiossidanti con cura capsule solari

la risposta dermatologo. capsule antiossidanti non proteggono e non implica in ogni caso agire come filtri solari. Aiutano preparare la pelle ad abbronzarsi in modo armonico, con un sacco di attivo beta-carotene o tipo licopene.
E 'stato trovato, nel caso di pelle molto chiara (i tipi di pelle 1 o 2), i capsule ha permesso a queste pelli di mostrare un'abbronzatura leggera, mentre prima non si sono abbronzate affatto

Errore n. 9: dimenticare di proteggere alcune aree del corpo

Cosa succede: anche facendo il miglior, spesso rimane un settore dimenticato con l'applicazione di crema, e un po 'di scottatura solare può essere visualizzato

la risposta dermatologo. deve proteggere tutti i settori, in particolare quelli che sono spesso esposti. A partire dal cuoio capelluto di uomini che iniziano a diradarsi, dietro le orecchie o al collo ... più facilmente aree aperte a caldo e il capello è attaccato. "E 'imperativo proteggere il viso e le mani, , che sono le zone più esposte," ricordo ancora Prof. Thomas.

In questo esercizio di precisione che è quello di proteggere completamente, attività di laboratorio la qualità delle trame. "Ci vuole un prodotto solare per vedere l'applicazione per essere ben applicata", afferma Annabel Mari. Per andare nella sua direzione, è meglio scegliere quindi un latte o un prodotto cremoso, che si vede e si diffonde facilmente. In ogni caso, dobbiamo optare per una texture che ci piace, migliore garanzia di quanto pensiamo per mettere la crema.

Errore # 10: utilizzare una protezione solare

Cosa succede : il tube dello scorso anno è ancora in fondo alla borsa, si preferisce finire prima di iniziare il nuovo prodotto solare

la risposta dermatologo attenzione di un tubo aperto di crema, anche se può. da utilizzare 12 mesi. Infatti, il prodotto è spesso abusato (sabbia, calore ...), ma è formulato per resistere. Possiamo concludere molto bene il suo tubo l'anno scorso se questo periodo di 12 mesi non viene superato.