10 Consigli per l'esposizione al sole

1- Nonostante la mia pelle scura, non passo la mia protezione

Qualunque sia il vostro tipo di pelle - pelle classifcazione secondo la sua sensibilità alle radiazioni ultraviolette - è necessario per proteggere se stessi del sole Anche la pelle nera può scottarsi.

Naturalmente, le persone con pelle, capelli e occhi chiari presteranno particolare attenzione, a causa della loro scarsa capacità di produrre pigmenti marroni.

50 anni, una pelle opaca può essere più rugosa e più danneggiata di una pelle chiara se non è stata sufficientemente protetta.

2- Anche se uso un indice alto, ho messo la mia protezione tutte le volte necessarie

Se, senza protezione, si ottiene una solarizzazione dopo 20 minuti, un indice 15 consente, in teoria, di essere protetto 15 volte più a lungo, vale a dire per 5 ore.

Ad una condizione: mettere 2 mg di prodotto per centimetro quadrato di pelle (equivalente a 6 cucchiaini per tutto il corpo). Dal momento che nessuno rispetta queste dosi, si deve almeno dividere il tempo di protezione di due o anche di tre.

Gli specialisti concordano che è necessario diffondere generosamente ogni due ore minimo, e ad ogni una volta che esci dall'acqua. E questo, qualunque sia l'indice usato

3- esco dall'acqua regolarmente per rimettere il mio schermo

Già fuori dall'acqua, devi riapplicare il suo minimo di prodotto solare ogni due ore . Nell'acqua, il tuo prodotto, anche se adatto (resistenza all'acqua o impermeabile), non ha una durata d'azione illimitata.

Ancora una volta, la realtà è molto diversa, perché nel bagno Aggiunto sudore, asciugatura, calore ... L'ideale per uscire ogni 2 ore per riapplicare il suo prodotto preferito.

4- Durante i giorni, anche conciati, continuo a proteggermi

L'abbronzatura è il protettore naturale della pelle: corrisponde approssimativamente a un indice di 4. Ma non impedisce agli UVA di entrare furtivamente negli strati inferiori della pelle per danneggiare il cuore del DNA , danno invisibile immediato, ma irreversibile e cumulativo nel corso degli anni

5- In estate, mi proteggo dagli UV indipendentemente dal tempo

Anche con le nuvole, l'UV viene scarsamente filtrato: 90 % di passaggio. Soprattutto perché è più fresco e si tende a stare fuori più a lungo. Le grandi nuvole nere, i nimbus, sono buoni filtri.

Ma fai attenzione a "alcune nuvole - nubi di cirri, nuvole bianche e luminose - che possono persino aumentare l'intensità degli UV: + 8 % rispetto ad un cielo limpido! ", dice il Prof. Doré

6- Se prendo una scottatura, smetto di esporre me stesso ...

Una solarizzazione è una vera bruciatura della pelle: attacca lo strato basale dell'epidermide (il suo strato più profondo) e può causare una bruciatura al secondo o terzo grado, a seconda della sua intensità.

Se questo accade a te, meglio andarsene la pelle all'ombra e a riposo, fino a quando non inizia a desquamare.

7- Con il passare degli anni, sono più vigile prima di espormi

L'abbronzatura fa parte di un sistema difesa del corpo dall'aggressione dei raggi UV. Con gli anni (e soprattutto le esposizioni eccessive e ripetute), il sistema perde la sua efficacia; melanociti fnissent da squilibrato, si esauriscono e producono sempre meno melanina.

8- mi prendo cura della mia pelle per la mia abbronzatura è sostenibile

Per questo deve essere tan poco a poco, in particolare che dal quarto giorno di esposizione, la pelle normale raggiunge un'intensità abbronzante equivalente con protezione alta o bassa. E non dimenticare di continuare a proteggerti anche quando indossi il colore caramello dei tuoi sogni.

È anche importante evitare scottature, quindi ore con alto contenuto di UVB (tra le 12:00 e le 16:00). E, infine, sempre idratare la pelle dopo l'esposizione.

Anche se non mi sento una sensazione di bruciore, sono vigili per evitare di ottenere scottature.

UV non lo fanno di calore (la differenza nell'infrarosso) e le più grandi solarizzazioni vengono ricevute senza essere avvertite, a causa del vento, del nuoto, dell'altitudine o della presenza di alcune nuvole.

9- Altro di -Sun a casa? Lo sostituisco con un semplice latte idratante

Tutto è davvero buono per lenire la tua pelle. Anche se dopo-sole creme sono pieni di specifiche attività (con agenti rilassanti e anti-infammatory) per tempra e raffreddare la pelle compensando aggressioni che ha sofferto di una crema idratante già aiutare per rilassare e combattere l'effetto essiccante di una giornata al mare

10- Evito scottature sulla fascia per capelli

I nostri capelli ci proteggono dai raggi UV, tranne dove non non c'è nessuno! Al contrario, i prodotti per la conservazione contro lo sbiadimento da raggi UV non proteggono il cuoio capelluto dalle scottature.

quindi useremo un bastone UV, la consistenza senza acqua è molto opaca.

E ' farà lo stesso per proteggere le aree che tendiamo a dimenticare - sopra le orecchie, calvo - aree che ricevono il peso della UV verticale

visualizzato anche :. 10 errori da evitare con la sua protezione solare