4 Soluzioni per la sindrome dell'intestino irritabile

antispasmodico contro il dolore addominale

Per alleviare il dolore addominale, è possibile prendere antispasmodico

Qual è l'uso <.? per ridurre le contrazioni intestinali eccessivi e agiscono sul dolore addominale, primo sintomo della sindrome dell'intestino irritabile.

Come usare? richiede solo è quello di alleviare i razzi dolorose. "I test dimostrano, in particolare, l'efficacia di due molecole: floroglucinolo (Spasfon) e Alverine citrato (Hepatoum o Météospasmyl)", ha detto il dottor Philip Ducrotté, gastroenterologo. Essi possono essere integrati da farmaci che aumentano i disturbi di transito (stipsi, diarrea).

Quando antispastici non sono sufficienti per alleviare il dolore, il medico può anche prescrivere antidepressivi (triciclici e inibitori della ricaptazione della serotonina ), che abbassano le soglie del dolore. Essi sono utilizzati a bassissimo dosaggio per ridurre al minimo gli effetti collaterali.

Peppermint per calmare l'intestino infiammato

A cosa serve? L'olio essenziale di menta piperita attiva una catena di reazioni antidolorifici , a livello del colon e calma l'infiammazione dell'intestino. Nel 2008, una meta-analisi intersecato 4 studi di confronto tra gli effetti della menta piperita olio essenziale (HE) e placebo: i sintomi scomparsi nel 74% dei pazienti con ET, contro il 35% di quelli trattati un placebo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce anche il suo utilizzo.

Come utilizzare Idealmente, deve assorbire in capsule enterica rivestite, in modo che i suoi contenuti sono rilasciati nell'intestino, dove funziona contro gli spasmi

Il dosaggio corretto è tra 180 e 200 mg, 3 volte al giorno, prima dei pasti. Ahimè, non troviamo in Francia prodotti in questa forma. Per preparare il suo farmacista o scegliere Oléocaps capsule 3 digestione e il transito intestinale (Pranarom), combinando menta piperita altro digestivo ET.

ipnosi per ridurre lo stress

A cosa serve? Lo stress è riconosciuto come un fattore aggravante di questa sindrome e l'ipnosi è una delle soluzioni proposte per gestirla al meglio. "Gli studi dimostrano che solidi è utile: potrebbe diminuire la sensibilità leggermente viscerale e dolore, ma soprattutto, aiuta a vivere meglio i sintomi," dice il Dott Ducrotté

Al termine di uno. studio, pubblicato nel 2003 su The Lancet e condotto su 200 pazienti trattati con ipnoterapia, 7 su 10 pazienti affermano di aver beneficiato, soprattutto in termini di qualità della vita. Un altro studio dimostra che gli effetti dell'ipnosi sarebbe anche utile nel lungo termine (almeno 5 anni), con una diminuzione del consumo di droghe.

Come utilizzare ci vogliono tra i 5 e 12 sessioni, anche se i risultati sono molto variabili. Aspettatevi tra 50 e 100 € la sessione, non rimborsati. Il medico può anche aiutare a sviluppare tecniche di auto-ipnosi.

Il trattamento di fondo con probiotici

A cosa serve? "Oggi è l'unica soluzione che può essere considerato per ridurre frequenza di razzi dolorosi ", afferma Dr Ducrotté. Secondo ceppi, rééquilibreraient flora intestinale di probiotici e sarebbero regolano le cellule immunitarie dell'intestino.

Come usarli? "Ci sono ancora molte domande su quali prodotti consigliere, a quale dose e per quanto tempo ", afferma Dr Ducrotté. I probiotici possono essere trovati in alcuni yogurt arricchiti con L. casei o bifido (Activia), che è utile per costipazione acuta.

Per quanto riguarda gli integratori, meglio scegliere i ceppi per i quali esiste studi clinici conclusivi: Lactobacillus plantarum 299v Lp (Bion Transit), Saccharomyces boulardii (Ultra lievito), Saccharomyces cerevisiae (lievito di birra) o riferimento Lactibiane (Pileje) da esempio. Da tenere in trattamento, per 4 a 8 settimane

Buone abitudini di adottare contro la sindrome del colon irritabile

-. Priorità fibra solubile in arancia, pompelmo, carota, mela terra ... Circa il 15 a 20 g al giorno 200 g di verdure cotte + 2 di frutta + 2 fette di pane di segale

-. Limite grasso , che farebbe aumentare la sensibilità eccessiva del tratto digestivo

. - una regolare attività fisica di almeno 20 minuti 3 volte a settimana.