Cannabis in Adolescent: Terapie che funzionano

Quasi 400 consultazioni giovani consumatori esistono in Francia. Psicologi e addictologi accolgono adolescenti in difficoltà e genitori preoccupati. La maggior parte della loro attività è la cannabis.

Ma da una struttura all'altra, i metodi di lavoro non sono sempre gli stessi. Una guida finanziata dal Ministero della Salute sarà distribuita a questi professionisti. Il suo nome: "Processo di accompagnamento e alleanza per il cambiamento terapeutico (Paact)"

Dietro questo titolo un po 'proibitivo c'è il desiderio di efficienza e pragmatismo.

In aiuto a cessazione della cannabis, due terapie hanno dimostrato la loro efficacia. Sono dettagliati nella guida di Paact

  • Per il consumatore "medio" , tutto si basa sulla nozione di "alleanza terapeutica". "Cerchiamo di capire che cosa porta la cannabis agli adolescenti e perché è difficile per lui rinunciare, devi cercare di metterti al suo posto, e da lì puoi dargli una strategia per aiutarlo a ridurre il suo consumo. " Pierre Couteron
    In questa terapia, i genitori hanno un posto primordiale "Non c'è una buona alleanza con il giovane senza pari con i suoi genitori. non lasciare che un adolescente si accontenti del suo consumo, " dettagli lo psicologo che si sforza di riunire le due parti: " Spiego ai genitori che se i loro figli non fumano più durante la settimana, ma solo nei fine settimana, ha fatto un passo nella loro direzione. "
  • Per il grande consumatore, quello che fuma tutto giorni e in cui compare in parallelo disturbi comportamentali e problemi familiari, la terapia MDFT (terapia familiare multidimensionale) è stata scientificamente validata. Questo metodo prende in considerazione l'adolescente in tutte le sue dimensioni: le interazioni con la sua famiglia, l'atteggiamento dei suoi genitori, i suoi amici, la sua carriera scolastica ... Parte degli Stati Uniti, è in fase di sviluppo in Francia.

Per trovare una consultazione giovani consumatori: o 0 800 23 13 13.

Da leggere anche: Alcol, tabacco, cannabis ... Gli adolescenti sono più vulnerabili