La couvade, la gravidanza nel maschio

La couvade, gli stessi sintomi della futura madre

La couvade è definita da disturbi psichici che si manifestano psicosomaticamente per tutta la durata della gravidanza . Niente di allarmante, tuttavia

Il corpo del futuro papà reagisce semplicemente all'annuncio dell'arrivo del bambino. Si verifica quindi una modificazione ormonale: aumento del progesterone e degli estrogeni (ormoni femminili) a scapito del testosterone (ormone maschile). A volte vediamo persino la comparsa della prolattina (ormone della lattazione).

Hai molta familiarità con i piccoli dolori della gravidanza ... Inseguono alcune donne durante i nove mesi. Beh, immagina che il futuro papà possa sentirli anche loro. Se ha nausea, mal di testa, insonnia, problemi di digestione e transito intestinale, mal di schiena o se sta ingrassando, potrebbe essere sottoposto a una couvade.

Un riferimento a un rito

Nei paesi occidentali, quando il padre presenta sintomi identici alla gravidanza, si chiama couvade. Al di là delle risate e dei sorrisi che questa situazione può provocare, si fa riferimento a un rito esistente in alcune civiltà. Negli indiani d'America, gli uomini imitano la gravidanza e il parto facendo cose molto specifiche. Questo è il suo modo di partecipare alla sofferenza del suo partner. L'uomo simula un dolore terribile al momento della consegna.

Nella Guyana francese, l'uomo è obbligato a stare a letto, completamente isolato per sei settimane dopo il parto. Poi i membri della famiglia si fanno qualche scalpello sulla pelle e si sfregano i peperoni.

Nell'Amazzonia, il nuovo papà non deve lavorare per sei giorni in modo che il bambino cresca correttamente e non si ammali. Deve quindi stare con suo figlio seguendo una dieta specifica.

La couvade: un significato profondo

La sindrome della couvade ha infatti un significato molto profondo. Permette al padre di esteriorizzare i suoi sentimenti.

L'espressione dell'angoscia

Per alcuni futuri papà, la paternità è un'evoluzione che è sia individuale che personale e singolare. È un cambio di identità, una nuova filiazione. Condiviso tra la gioia di essere un padre e la paura di questa responsabilità, è ansioso. Difficile per un uomo verbalizzare, per esprimere i suoi dubbi, così si rifugia nella couvade. Il suo corpo esteriorizza i suoi sentimenti più profondi

La mancanza di attenzione

Durante una gravidanza, gli occhi sono solitamente focalizzati sulla futura madre e sul suo ventre. La couvade è, in un certo senso, un mezzo per attirare l'attenzione. Il futuro papà ha bisogno di essere rivalutato, per trovare il suo posto all'interno di questa maternità. In qualche modo, vorrebbe anche provare la sensazione di portare un bambino senza che ciò sia possibile. Mostra così la sua esperienza attraverso la mimica.

Una fioritura del ruolo paterno

La couvade può anche esprimere un certo orgoglio nel diventare padre. Anche lui sta vivendo la storia di questa gravidanza. E per meglio accogliere il bambino e la sua paternità, egli mostra il suo coinvolgimento in questa gravidanza, mostrando i piccoli problemi delle donne in gravidanza

Dads Testimonianze. Ho vissuto una couvade

Stéphane, il padre di Leah (2 anni) e Marion (6 mesi)

"Per la prima gravidanza con mia moglie, è stato un incidente, non avevamo in programma di avere un bambino subito, quindi mi sono sentito catturato Questo certamente spiega perché ho provato un'enorme quantità di affaticamento durante la mia gravidanza e ho preso non meno di sei chilogrammi in tutto! Per il nostro secondo figlio, questa volta ero pronto, eppure, negli ultimi tre mesi, Ero malato di nausea e diarrea cronica. "

Daniel, il padre di Léo (3 mesi)

"Al momento dell'annuncio della gravidanza, ho iniziato a soffrire di mal di schiena accompagnato da disturbi digestivi, sono stato praticamente costretto a letto per due settimane. Ho detto alla mia ragazza che ero frustrato dal fatto che non conoscevo le sensazioni di portare un bambino. Dal momento in cui ho parlato, i sintomi erano silenziosi. "

Alain, padre di Manon (6 mesi)

"Quindi io, la gravidanza era tutto ciò che potevo mangiare lamponi, banana, guacamole con patatine, prima di farmi un panino con gli spread ... Avevo solo voglie incomprensibili e impossibili da frenare. Un giorno, ho persino chiesto a mia moglie che si torceva il dolore sul letto per comprarmi una porzione di cous cous. Mi vergogno era a 8 mesi di gravidanza! "

Per leggere : Principiante papà: la guida che tutti i giovani padri hanno aspettato , Benoît Le Go Dicembre, ed. Primo.