Decodifica delle nuove etichette alimentari

Foto: Il reparto formaggi di un supermercato © THEfunkyman su Flickr

Sulle etichette alimentari sono tutti i tipi di informazioni: è la carta d'identità di un prodotto. Per tutti i prodotti alimentari preconfezionati devono contenere le seguenti informazioni:

  • La denominazione di vendita indica la natura del cibo; serve per identificare il prodotto. Ad esempio, disidratato, surgelato, addolcito, con dolcificante,
  • L'elenco degli ingredienti : viene presentato in ordine decrescente di importanza in percentuale. Menziona anche additivi, aromi e da dicembre 2014 la presenza (in grassetto o sottolineato) di una delle sedici sostanze che provocano allergie o intolleranze (arachidi, latte, soia, uova, pesce, crostacei, noci, cereali contenenti glutine, semi di sesamo, lupini ...)
  • La quantità di alcuni ingredienti o categoria di ingredienti
  • La quantità netta del prodotto : in litri o millilitri per liquidi o gelati; in grammi per altri prodotti. Informazioni utili quando si desidera effettuare ricette,
  • Date : limite di consumo (DLC) e durata minima (che sostituisce la data di utilizzo ottimale del prodotto o DLUO);
  • Le condizioni speciali di conservazione
  • Il nome e l'indirizzo del produttore t, imballatore o venditore stabilito nell'Unione europea
  • Il paese di origine
  • Il lotto di produzione : è utilizzato per la tracciabilità del prodotto
  • Le istruzioni per l'uso o consigli per l'uso
  • Il timbro veterinario : per prodotti di origine animale, è la prova del controllo dei servizi veterinari del Ministero dell'Agricoltura. La menzione del luogo di nascita, il luogo di allevamento e la macellazione sono obbligatori per le carni bovine. Per le altre carni, lo diventerà nell'aprile 2015.
  • Il peso dei grassi nei formaggi .

Etichette alimentari: i segni ufficiali della qualità di un prodotto

Il le etichette che si trovano sui prodotti di consumo sono importanti: consentono di identificare l'origine di un prodotto e di indicare i "premi" attribuiti ai produttori.

  • L'etichetta rossa : certifica la qualità superiore di un prodotto
  • L'etichetta AB (agricoltura biologica): si applica ai prodotti con almeno il 95% degli ingredienti provenienti da un metodo di produzione esclusi i prodotti chimici
  • Appellation d'origine contrôlée (AOC): garantisce una specificità del cibo legato al terroir e al know-how locale
  • La certificazione di conformità , Qualità certificata del bene (ACQ) ): assegnato a determinati prodotti, le cui specifiche sono regolarmente controllate (prosciutto senza fosfati, frutti raccolti) alla maturità, condizioni di freschezza delle insalate pronte all'uso ...);

Menzioni "Naturale", "Casa", "Artigianale", quali differenze?

Su alcuni prodotti, troviamo "francobolli" che il display del produttore per contrassegnare l'autenticità di un prodotto.

  • Naturale : prodotto trovato in natura, non trasformato, non trattato e senza additivi (pesce in scatola, acqua minerale, aroma ...)
  • House : prodotto preparato in modo non industriale e secondo una ricetta tradizionale. Viene venduto direttamente dal produttore al consumatore,
  • Artigianale: prodotto da un artigiano registrato nel registro di commercio,
  • Farmer : prodotto preparato in azienda su scala non industriale secondo determinate tecniche tradizionale, ma fate attenzione alle parole "fattoria" o "burro puro" che non significano molto,
  • Senza additivo : prodotto che non contiene un certo additivo, anche se è autorizzato dalla legge.

Da leggere anche: ci si può fidare dei prodotti alleggeriti?