Anestesia generale: dovremmo avere paura?

"Durante un'operazione chirurgica, ciò che mi spaventa di più è non svegliarsi", testimonia Carole, 47 anni, anestetizzata nel giugno 2009 prima di un'isterectomia (rimozione dell'utero). Lo scopo dell'anestesia generale è quello di sospendere temporaneamente la consapevolezza e la sensibilità al dolore prima dell'intervento chirurgico. Per eseguire questo atto, l'anestesista inietta il paziente con anestetici endovenosi

Un tasso di mortalità dieci volte

In Francia, il numero annuo di anestesia è più che raddoppiato dal 1980. E ' da 3,6 a 8 milioni. E durante lo stesso periodo, il tasso di mortalità in relazione all'anestesia è stato diviso per dieci. "Purtroppo è comune utilizzare l'anestesia la stragrande maggioranza degli incidenti o incidenti che si verificano durante l'intervento chirurgico o in suite. La realtà è fortunatamente altri, perché gli anestesisti hanno obiettivo primario della sicurezza del paziente sostengono ", ha detto il dottor Bruno Gomez anestesista a Parigi.

il mantenimento della premedicazione, obbligatoria prima di qualsiasi intervento

la consultazione pre-anestesia è obbligatoria e deve essere parecchi giorni (48 ore una settimana) prima della procedura. Questa intervista dà luogo ad un esame specifico sulla storia medica del paziente, i suoi potenziali trattamenti attuali, le sue specifiche malattie, allergie, indossando protesi o lenti, o qualsiasi altro elemento che possa interferire con l'anestesia ...

Il medico anestesista prescrive regolarmente una sierologia. Altri esami complementari (analisi del sangue approfondita, radio ...) possono essere richiesti. "Essi non sono sistematici:. Dipendono storia e lo stato di salute del paziente e la natura dell'operazione", informa il dottor Jean-Pierre Lardeyret, anestesista a Parigi

L'opportunità di un dialogo con l'anestesista

Questa intervista è importante sia per il medico che per il paziente. Può chiedere al medico la durata e il funzionamento dell'anestesia generale, i prodotti utilizzati e i rischi coinvolti in questa procedura medica. Non esitare a condividere le tue apprensioni. "Per sentirmi sicuro, dovevo sapere se era lo stesso anestesista a essere presente il giorno del mio intervento: era importante per me", dice Carole. L'anestesista è lì per rassicurare i pazienti e rispondere alle loro domande il più accuratamente possibile

Prima di anestesia ...

Il futuro chirurgia dovrebbe essere a digiuno per almeno sei ore. Il cibo può causare rigurgito fluido gastrico ai polmoni e portare ad asfissia. I fumatori dovrebbero astenersi dal fumare poiché il fumo può interferire con la respirazione e causare tosse e spasmi. Può anche causare ipersecrezione acida e lento lo svuotamento dello stomaco.

premedicazione

Un'ora prima dell'anestesia, gli infermieri per via orale somministrano un sedativo per rilassare il paziente fugare le sue ansie e facilitare il sonno. Tuttavia, secondo le persone, il seguente effetto è variabile: "I farmaci mi hanno messo in una vera bolla di cotone", ricorda Carole. Per gli altri, lo stress è più intenso e i sedativi hanno poco effetto. "Fino al totale sonno, ero consapevole di tutto e la paura era presente", dice Gérald, 49 anni, operato sul cuore.

Durante l'intervento ...

"L'anestesista fornisce al paziente un'associazione di anestetici (tipo morfina), analgesici (dolore) e talvolta un curaro (aiutano il rilassamento muscolare) per via endovenosa", informa il dott. Lardeyret. Il soggetto è, in tutti i casi, sotto perfusione per garantire la sua sicurezza e mantenere l'anestesia. L'anestesista è presente per tutta la durata dell'intervento e controlla le funzioni vitali del paziente.

controllo della respirazione

In anestesia generale, il paziente perde più spesso tutto o parte del suo abilità respiratorie. I medici quindi ricorrono all'intubazione (installazione di un tubo nella trachea) per aiutare a respirare artificialmente. "In caso di anestesia generale breve o operazione benigna, l'intubazione non è sempre necessaria, possiamo usare una maschera laringea (questo dispositivo che sigilla la zona periglottica è composto da una maschera e un palloncino, posizionato nella faringe) o maschere, "il medico Gomez.

Dopo anestesia ...

Dopo dissipazione dell'anestetico, il paziente si sveglia lentamente. "Il risveglio è sempre un po 'difficile, ma sempre lo stesso: mi addormento e nell'istante successivo, sento delle voci in lontananza che mi dicono" Signora B., svegliati! È andato bene, sei nella stanza di recupero ", ricorda Carole. Obbligatorio, questo passaggio consente di controllare il ritorno alla normalità delle funzioni respiratorie del paziente e l'assenza di insorgenza di complicanze. La ricezione nella stanza di recupero ha una durata variabile in base alla natura dell'intervento

Controllo del dolore a monte

Per la maggior parte dei pazienti, l'allarme si attiva senza intoppi. A volte, si verificano effetti collaterali (nausea, vomito o agitazione). Il dolore può anche far svegliare la persona che viene operata. "I medici spostano o rimuovono organi, quindi fa male", dice Carole. È importante per una migliore qualità del risveglio per controllare il dolore prima dell'operazione. Il rilievo in anticipo, è quello di garantire una più tranquilla risveglio il paziente

disturbi possono a volte apparire durante i giorni di anestesia generale. I livelli di glucosio scendono a causa di digiuno, l'ipotensione causata da sedativi, mal di testa, mal di indietro, disturbi urinari, disagio transitorio ...

Fonte: Società francese per anestesia e rianimazione