Escursioni in montagna: 4 riflessi di prevenzione

La spiaggia e la piscina non sono non i soli luoghi di vacanza che richiedono la vigilanza da parte nostra in estate. La montagna, nonostante i suoi percorsi rassicuranti, può nascondere le difficoltà che possono sorprendere alcuni turisti. Per evitare spiacevoli sorprese, ecco alcuni riflessi da adottare.

1- Piano

Scegli un percorso adatto alle tue capacità fisiche e fai qualche ricerca su Internet o con i professionisti del turismo nell'area che visiti. Chiedi informazioni sul tempo, i tempi di percorrenza (per tornare prima del buio), le possibili aree di riposo (rifugio, area picnic, ecc.) E le indicazioni per il sentiero. Disegna un percorso su una mappa che manterrai con te lungo la strada.

2- Prevenire

Non andare mai da solo, anche se sei abituato a fare escursioni. Facendo un'escursione insieme, in gruppo o con una guida, è più facile avvertire le squadre di soccorso in caso di incidente. E prendi la reflex per avvertire il tuo entourage: dai la posizione esatta dell'escursione, così come una copia dell'itinerario, con eventuali cambi di rotta che potresti prendere. Pianifica una data e un'ora di ritorno e un limite dal quale il tuo entourage può impedire l'aiuto. Quindi ricorda di rimanere in contatto con queste persone durante l'escursione e al tuo ritorno in modo che non si preoccupino inutilmente.

3- Ricevi equipaggiato

C'è un'attrezzatura specifica per ogni tipo di escursione. Non esitare ad approfittarne. A seconda del tempo, che può cambiare molto rapidamente in montagna, pianificare vestiti leggeri, vestiti caldi e indumenti impermeabili. Fornire acqua e un thermos con una bevanda calda e dolce, qualcosa da mangiare (frutta secca, pasta di frutta, sandwich, barrette di cereali), il cellulare con un caricabatterie supplementare e un faro.

Il sole è un grande pericolo quando guadagni quota, pensa a prendere la protezione solare, occhiali anti-UV e un cappello. Un'attrezzatura essenziale per una bella escursione: le scarpe alte e antiscivolo e le calze spesse. Indossali prima dell'escursione per costringerli ai tuoi piedi. Infine, prendi in considerazione un kit di primo soccorso e una coperta per la sopravvivenza.

4- Allenamento

La mancanza di allenamento aumenta mal d'altitudine e problemi di affaticamento o anche problemi di cuore. Per evitare la stanchezza, preparatevi a monte camminando regolarmente e concentrandovi sugli sport di resistenza come il nuoto e la corsa, per respirare. Una volta lì, inizia l'escursione ad un ritmo moderato e concediti pause regolari per idratare e mangiare. Per combattere il mal di montagna in relazione alla mancanza di ossigeno nell'aria oltre i 2.000 metri di altitudine, salire lentamente. Se i sintomi persistono, scendi e consulta un medico.

Leggi anche: Montagna in estate: e se facessimo un'escursione con la famiglia?