Non posso sopportare di essere toccato - Consultazione del Dr. Mimoun

Consultazione 1: l'ipnosi per fare il discorso inconscio

Natacha non recupera da la sua precedente relazione . Cercò di seguire una psicoterapia, ma non impiccò.

Mi rendo conto che in fondo lei fa di tutto per incontrare nessuno e non confessare che la sua storia la precedente è finita. Solo che il suo desiderio infantile lo mette sotto pressione ...

Suggerisco ipnosi . Questo gli permetterà di mettere a riposo il cervello sinistro, quello che razionalizza tutto . Quindi, può essere in grado di usare il suo cervello destro, emotivo, per lasciare che i suoi sentimenti si esprimano di nuovo.

L'ipnosi erikoniana che le propongo in un la prima volta, si basa sul suggerimento indiretto , che parte dalla sua narrazione . L'obiettivo è quello di lasciare che ciò che viene, senza interferire, sappia come il suo incosciente può cambiare le cose, per sentirsi meglio .

La prima sessione ti consente di vedere le reazioni di Natacha, se entra in una trance ipnotica, se è leggera o profonda, e se reagisce ai messaggi inviati all'inconscio, come alzare una mano In effetti, questo gesto è fatto in modo diverso a seconda che sia voluto o inconscio.

L'obiettivo è di identificare e integrare la sua resistenza per vedere se risponde meglio agli stimoli visivi, uditivo o sensoriale, al fine di creare un cambiamento emotivo L'ipnosi eriksoniana aiuta il paziente a trovare la soluzione che è in lui

Consultazione 2: Positivo e credere nel cambiamento

Natacha ritorna tre settimane dopo e si sente meglio, probabilmente perché inizia credendo che ci sia un potenziale di cambiamento t, sottolineo, per infondere un rinforzo positivo: " È un buon segno, il tuo inconscio si sta preparando per il cambiamento! "

Allora comincio iew " Ti ricordi quando eri piccolo, non si poteva trovare una soluzione ad un problema. Ci hai pensato la sera, ti sei addormentato, e al mattino la soluzione era lì. Il tuo inconscio aveva lavorato a a tua insaputa. Bene oggi funziona di nuovo. "

Questo è un suggerimento aperto , che consente al paziente di non sentirsi intrappolato da questo o quell'approccio e, con queste parole, una persona si concentrerà sulla bambina che era , un altro ascolterà il messaggio e si fiderà del suo inconscio, altri ricorderanno il luogo della loro infanzia ...

Queste sessioni di ipnosi hanno, questa volta per lo scopo di creare il cambiamento , e non questo o quello cambia Natacha esce dalla trance Si sente rilassata, mentre le sessioni di rilassamento non hanno funzionato Questo è normale, anche se lo scopo principale dell'ipnosi non è Questo stato la rafforza nell'idea che il suo inconscio possa agire a sua insaputa e farle del suo bene. Consultazione 3: autoipnosi per di più di nuovo benessere

Dopo otto sessioni,

la sua fobia scomparve . Natasha che si lamentava di essere costantemente tesa, dice: "Non so cosa sia successo, ma io mi sentivo fresco ... È una grande evoluzione." L è importante che sia rassicurata sentendo che il suo corpo è in grado di cambiare.

"Quando il tuo corpo ha

trovato queste piacevoli sensazioni , non avrai bisogno di parlare, basta agitarlo con un dito." E improvvisamente, uno dei suoi le dita si muovono senza che lei lo voglia ... Questo stato di felicità può diventare

quello che viene definito un luogo sicuro, un posto rassicurante, un luogo di rifugio. Infatti, è sufficiente indurre un gesto sotto ipnosi (ad esempio, portare il pollice e l'indice), e Natacha sarà in grado di rifugiarsi in questo luogo sicuro riproducendo coscientemente questo gesto. Potrebbe aiutarla a sfuggire ad un attacco di ansia ... Lì, è ancora troppo presto per le sue Otto sessioni hanno rafforzato questo benessere

Usando autoipnosi , Natacha imparò a indurla da sola. Al 4 ° o 5 ° incontro,

disse che aveva incontrato qualcuno: "Mi lasciai flirtare, e mi resi conto degli stratagemmi che usavo per disgustarli. Non mi interessava, pensavo "perché no?" " In nessun momento aveva avuto

riflesso negativo , o qualsiasi paura. Qualcosa è cambiato anche senza aver lavorato direttamente su di esso. All'ottava riunione

, mi disse che era uscita con un altro uomo. Aveva questo fobia di contrarre una malattia . Abbiamo continuato le sedute

che giocano sul rinforzo positivo ed evidenziando migliore -essere mentale e corporeo. Nell'ultima seduta, le ho chiesto, "Vuoi un appuntamento tra qualche mese?" "No", rispose lei, "ma tornerò se c'è un problema." Gli ho appena consigliato non aspettare che questo problema sia troppo importante ... •

Leggere anche: • Coaching accompagnamento e terapia dell'ipnosi Ericksoniana