Dobbiamo essere sempre sobri per eliminare l'alcol?

Questa è una domanda che tutti i pazienti chiedono, ma che è molto dibattuta. Per le associazioni di ex bevitori, il "consumo controllato" è un'esca. Personalmente, ho visto molte delusioni.

Consumo controllato , ovvero un ritorno al consumo normale senza conseguenze sulla salute, non è un'opzione per tutti pazienti. Dipende dalla gravità della malattia di alcolismo e la diagnostica.

Alcuni consumo di alcol sono concomitante di un evento (depressione, lutto ...), ma non all'interno di una dipendenza vera alcol. Questa situazione non ha lo stesso valore diagnostico di una persona che presenta un vecchio consumo di alcol. In media, i pazienti arrivano dopo circa quindici anni di evoluzione.

L'esperienza mostra che quando uno è realmente dipendente, fermandosi gradualmente richiede più energia e genera un maggiore sofferenza che non bere affatto, vale a dire mai ricominciare. Quando il "craving", la voglia di bere è molto forte, non si può promettere un ritorno a bere controllato perché, appunto, la voglia è incontrollabile.

E 'lo stesso in immagini dipsomane, cioè quando le persone non possono smettere di bere non appena toccano l'alcol. Un'immagine comune tra le donne. In questo caso, è molto doloroso essere limitato a un bicchiere. Non toccare affatto in realtà è più facile.

Quando, invece, il paziente è in programma un consumo controllato deve aiutare premendo trattamenti che riducono il bisogno di bere e sull'educazione terapeutica . Gli viene spiegato come riconoscere il momento in cui il suo consumo diventa di nuovo regolare. La trappola è, infatti, che questo consumo controllato nasconde una ricaduta insidiosa e progressiva.

I pazienti devono essere consapevoli che rimarranno fragili per tutta la vita di fronte a alcol. Penso a qualcuno che sono stato per due anni. All'inizio, prendeva tre bicchieri di whisky ogni notte, in un terribile contesto familiare. Voleva fermarsi e ridurre la sua assunzione a uno o due bicchieri al giorno. Quando ci siamo incontrati l'ultima volta, stavo progettando di parlarle del consumo controllato. Ma lei ha detto che stava tornando a tre o quattro drink.

"Il consumo controllato" è qualcosa da osservare molto da vicino. Solo il 20-30% delle persone che sono diventate sobrie riescono a bere una volta ogni tanto, senza ricadute.

I farmaci come il baclofen sono solo delle stampelle. Prescritti all'inizio dello svezzamento, possono aiutare a ridurre il consumo di alcol. Ma, in realtà, è la volontà di fermare che conta di più.