Sonniferi: domani, mi fermerò!

Barbiturici, benzodiazepine, carbammati ... I sonniferi sono diverse famiglie di farmaci a cui presto diventiamo dipendenti. Dopo uno o due mesi di trattamento giornaliero, come uscire da questa dipendenza? Non è così semplice: sebbene l'effetto di questi sonniferi si esaurisca mese dopo mese, diventa rapidamente angoscia che sarà impossibile dormire senza questa stampella.

Un effetto di rimbalzo dopo un arresto improvviso

la dipendenza diventa psicologica: siamo quindi invasi dalla paura di fermarci e dormire male. Non ci fidiamo più del nostro sonno naturale, non sappiamo come riconoscere i segnali classici quando Morpheus allunga la mano.

Questo è tanto più angosciante per la persona che vuole smettere di dormire i sonniferi che quando la decisione si interrompe bruscamente, un effetto di rimbalzo appare in realtà: il sonno è inizialmente meno buono, pieno di sogni e incubi, e si sente più teso.

Impostare un programma di svezzamento

Improvvisamente fermare il giorno per i prossimi sonniferi quando li prendi per mesi è una pessima idea. Ciò può causare un grande malessere generale e un'ansia intensa. Il metodo migliore è quello di smettere gradualmente e prenditi il ​​tuo tempo. Ci vogliono circa due mesi per ottenere uno svezzamento definito.

- Prima settimana: togliere il sonnifero una sera del fine settimana
- Seconda e terza settimana: fermare la droga due notti che non si susseguono , per esempio mercoledì e sabato
- Quarta e quinta settimana: prendere il sonnifero ogni notte
- Sesta settimana: assumere lo stesso ritmo ogni sera, ma riducendo la dose a coppie
- Settima settimana: non prendere sonniferi per due sere a settimana
- Ottava settimana: regalati un sonnifero solo una notte della settimana
- Nona settimana: ferma tutto . Hai vinto la tua scommessa!

Sostituisci il sonnifero con nuovi rituali

Dato che la dipendenza da sonno è in gran parte psicologica, è una buona idea istituire nuovi rituali per sostituire il farmaco.

Tocca a te essere inventivo: bevi una tazza di latte caldo, prendi un infuso di verbena o camomilla. Oppure usa capsule di valeriana, passiflora o biancospino. Diventa un fan dell'omeopatia usando Gelsemium o Ignatia granuli ...

Cerca di andare a letto alla stessa ora, quando possibile. Rilassati mentre ascolti musica soft. Fai un bagno per rilassarti. Aggiungi perché non poche gocce di oli essenziali. Chiedi al tuo partner di massaggiarti ...

Crea un'atmosfera favorevole all'addormentarsi

Non rimanere accasciato davanti al televisore per più tempo. Invece, scegli un buon libro e prendi di mira nel momento in cui senti i primi segni di addormentarsi.

Non bere alcolici durante la serata. Non fare troppo pasto, non aiuta la serenità del sonno.

Non aggiustarti sulla sveglia contando le ore che devi dormire. Dormire è il tuo obiettivo, ma non dovrebbe diventare ossessivo.

Setaccia le luci nella tua stanza. Assicurati che la temperatura del tuo appartamento non superi i 18-19 ° C.
Se dopo due ore non riesci a chiudere gli occhi, non arrabbiarti. Ventilare la stanza, alzarsi a bere un bicchiere d'acqua o un bicchiere di latte. Rilassati senza intraprendere un'attività che ti sveglierà. Non accendere troppa luce.

Impara a gestire il tuo stress

È noto: lo stress danneggia il sonno. Ma provi a combatterlo facendo liste di ciò che devi fare invece di pensarci tutta la notte.

Datti una pausa solo per te durante il giorno. Impara a respirare profondamente per rilassarti.

Prova a vivere nel momento invece di progettare sempre per il futuro

Rimettiti nello sport per bruciarti. E perché non iscriversi a una lezione di yoga, sessioni di ipnosi o agopuntura. Una cosa è certa, tutto sarà più facile se credi in te stesso e nella tua capacità di dormire.