La mela, il frutto della salute più completo

Estate e inverno, le diverse varietà di mele si susseguono nei primiurs. Reinette, Golden, Gala, Granny Smith ... Tutti hanno in comune di offrirti un frutto ricco di vitamine

La mela, una categoria di vitamine campione

La mela contiene, infatti, diversi tipi di vitamine. Quelli del gruppo C sono più numerosi , con una media di 3,3 mg per 100 g, ma dietro di essi ne arrivano molti altri: vitamine B (B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12), E e provitamina A (carotene).

Il contenuto di questi nutrienti può tuttavia variare a seconda della varietà della mela: da 8 a 25 mg di vitamina C per 100 g per un Reinette, da 2 a 6 mg solo per un Golden.

Vale a dire: la pelle della mela è concentrata nella vitamina C: contiene da 4 a 6 volte di più della polpa del frutto. Quindi, pulisci bene e non esitare a masticare.

Una buona fonte di potassio

Assetata, la mela contiene 86,5 g di acqua per 100 g. E il liquido stesso contiene molti minerali e oligoelementi.

Inizio dell'elenco dei minerali, potassio (123 mg / 100 g) offre un effetto diuretico e, in combinazione con la vitamina C , una buona dose di energia da tenere tutto il giorno.

Presente anche in piccole quantità, altri minerali ( fosforo , calcio , magnesio e sodio ) hanno diversi ruoli: buono per le ossa, per l'attivazione degli ormoni, per la lotta contro il cancro ...

E ombreux oligoelementi (zinco, manganese, rame, ferro, fluoro, selenio ...), presenti in tracce, sono essenziali per il funzionamento delle vostre cellule.

La mela, il frutto ideale per una dieta

A basso contenuto di calorie (44.6 kcal / 100 g), la mela può essere mangiata regolarmente e aiuta a controllare o perdere peso, se si è a dieta.

Certamente, questo frutto contiene molti carboidrati (10 g / 100 g) ma vengono lentamente digeriti dal corpo e calmano in modo permanente la fame. Non esitare a masticare una mela: il suo effetto saziante riduce il desiderio di spuntini.

Il ruolo dei carboidrati? Danno il suo sapore dolce alla mela. Sono fruttosio per metà, saccarosio (22% dei carboidrati totali) e glucosio (18% dei carboidrati totali). Gli altri carboidrati contenuti nella mela sono meno comuni: pentosani, esosani e sorbitolo (derivati ​​dal glucosio).

Il lato acido della mela proviene dagli acidi organici che contiene (0,46 g / 100 g ). Sono costituiti quasi interamente da acido malico e un po 'di acido citrico (4-5% degli acidi organici totali). Usa anche la mela per il suo effetto diuretico: favorisce l'eliminazione dei rifiuti dalle urine, grazie alla sua ricchezza in acqua e potassio.

Un effetto benefico sul transito intestinale

Ricco di fibre (2,4 g / 100 g), la mela aiuta a far funzionare bene l'intestino. È efficace nel prevenire i disturbi del transito, entrambi i problemi di stitichezza e diarrea.

Le sue fibre contengono sostanze pectine ampiamente solubili come la pectina, ma anche cellulosa, lignine ... Questi materiali formano il parti dure del frutto

La mela, si mangia con o senza la pelle?

Ben lavato, la mela viene mangiata così com'è, con la pelle, perché contiene molta vitamina C. Idem se tu cucinarlo al forno Tuttavia, le vitamine scompariranno in parte (dal 25 al 30%).

Se preferisci mangiare la mela senza la pelle, sbucciala e tagliala a pezzi, avendo cura di rimuovere il cuore che contiene i semi. Puoi quindi consumare il tuo frutto da solo o aggiungerlo a una macedonia fresca (uva, kiwi, clementine, ananas ...).

Da leggere anche: dovremmo mangiare la buccia delle verdure?

In composta, in una torta ... mela in tutti i suoi stati

La mela ha il vantaggio di sposarsi con molti altri sapori. Se vuoi rimanere nel dolce, la scelta è ampia. Può essere cotto, in umido (con un pizzico di cannella), cotto (con o senza burro e zucchero), saltato in padella (con una noce di burro e un po 'di zucchero), su una crostata (con, opzionalmente, un crema pasticcera e zucchero di canna), in un dolce ... O crudo: a pezzi, con formaggio o carpaccio con limone per evitare che si anneriscano e fiori d'arancio.

Integrato in un piatto salato, la mela è spesso usata come guarnizione: si abbina bene con il pudding nero, in umido o in pezzi cotti nel forno (o in padella). Puoi anche metterlo su spiedini con gamberetti o rana pescatrice e cuocerlo nel forno

Fonti :

(Agenzia per la ricerca e l'informazione in frutta e verdura fresca)
- Nutriterapia dalla A alla Z , Dr. Patrick Chavaux, ed. Marabout.