Qual è il rapporto tra una madre e suo figlio?

Maria, ora nonna, ha avuto 3 figli tra cui un figlio. Quando gli viene chiesto di descrivere la sua relazione con lui, dice: "Non riesco a trovare le parole, ma è certo che con mio figlio era" diverso ", molto appagante." Il rapporto con un figlio è spesso molto investito dalla madre, dalla gravidanza.

Relazione madre-figlio: una sensazione di pienezza

Una donna che aspetta un ragazzo si dice: "è l'ignoto, ma è meraviglioso. " Lei porta entrambi i sessi in lei, è straordinaria, e lei è molto orgogliosa, una forte pienezza.

Quindi, il ragazzino riempirà i desideri inconsci di sua madre: quello di proteggere il sesso maschile che vive qualsiasi donna Ma anche la gioia di crescere un figlio dell'altro sesso che lo completa completamente e viene dalla sua stessa carne.

A questo si aggiunge una dimensione "seduzione" nel senso molto umano del termine, che rafforzerà ulteriormente la relazione.

Relazione madre-figlio: un'educazione molto materna

Una madre, naturalmente, crescerà il suo bambino come la sua bambina, con amore e cura materna.

Tuttavia, la relazione è leggermente diversa. Le mamme sentono che i ragazzini sono più fragili e a volte hanno problemi a sapere cosa provano (e per una buona ragione sono diversi!): Tenderanno quindi a prenderli più spesso tra le loro braccia , per proteggerli di più.

Una madre parla anche più volentieri con il suo bambino "ragazzo", il rapporto di "seduzione" obbliga. I ragazzi svilupperanno una autostima migliore rispetto alle ragazze ...

Relazione madre-figlio: una distanza necessaria

Il rapporto di un ragazzo con sua madre si evolverà con le fasi di sviluppo del piccolo

  • Da 2 a 3 anni, entra nell'Edipo, nutrendo sentimenti d'amore verso sua madre ... e prendendo le distanze con suo padre.
  • la situazione si trasforma in 7-8 anni, quando il bambino costruisce la sua identità di "ragazzo". Ha bisogno di identificarsi con modelli di ruolo maschili ... e di staccarsi da sua madre. È auspicabile che padre e figlio possano condividere il tempo insieme, attività comuni. La madre, al suo fianco, non per afferrare la sua prole.

Per evitare assolutamente: formare una pseudo coppia con il figlio spodestando il padre di questa relazione fusionale ...

Relazione madre-figlio : all'età adulta ...

Da adolescente, è necessaria la stessa distanza materna intorno ai 7 o 8 anni. Il bambino deve essere in grado di fare altre scelte femminili innamorate, in tutta serenità. Se l'adolescente si sente troppo legato a sua madre, rischierà di essere aggressivo con lei per fuggire da esso.

La figura paterna, l'immagine dell'identificazione e della rivalità necessarie per l'assertività, prende poi tutta la sua importanza. Indiscutibilmente, più distanti con gli anni, i rapporti "madre-figlio" rimangono comunque per sempre molto profondi.

Ad esempio, quando un adolescente non sta facendo bene, ad esempio, attraversando importanti problemi psicologici, è sempre la madre che ha una speranza di guarigione.