Perché la paura ci paralizza?

Se un serpente cade sui rami degli alberi, ci sono due opzioni: puoi combattere per sbarazzartene o scappare il più rapidamente possibile. La risposta al volo di combattimento è una primitiva e potente reazione di sopravvivenza Quando il cervello percepisce un pericolo , rilascia adrenalina nel sangue. La frequenza cardiaca è in aumento e la nostra attenzione si concentra su ciò che ci minaccia. La nostra personalità, così come il nostro giudizio, influenzerà la nostra decisione di fuggire o combattere.

Ma c'è una terza opzione possibile, anche se spesso ci sembra imposta più che scelta: l'immobilità. A prima vista, questo riflesso non sembra molto adatto. Tuttavia, la sorpresa che proviamo per un evento inaspettato provoca reazioni utili, spiega il sito Popular Science. I nostri occhi si allargano per migliorare il campo visivo periferico, la bocca si apre e il respiro si ferma per prepararsi a urlare e / o correre. Tutta l'energia della persona si sta preparando a valutare quanto pericolosa sia la situazione.

Protezione della salute mentale

Paralisi è spesso un'estensione della sensazione di sorpresa e shock, che si verifica quando il combattimento o il volo non è "disponibile" perché la persona si sente intrappolata. Da un punto di vista della storia evolutiva, questa reazione si sarebbe verificata al momento della caccia, spiega Popular Science . Come molti animali, la paralisi causata dalla paura consente "di rendere i morti" . Il cervello prende il sopravvento e ci immobilizza sperando che il predatore stia perdendo interesse per noi e si allontani da solo.

Ma la paralisi potrebbe anche portare benefici emotivi proteggendo la salute mentale da danni psicologici. Molte delle persone che hanno vissuto questa esperienza limitano il danno di un trauma.